Romano Levi - Grappa Levi
LA FAMIGLIA ROMANO LEVI L'ALAMBICCO LA GRAPPA GALLERY ARCHIVIO GRIVA LIBRI

In vendita



La grappa

".........c’è una particolare correlazione tra la filosofia del Mastro distillatore, la materia prima disponibile nella regione e l’alambicco che la distilla ........è da questo assunto che nasce la straordinaria varietà nel campo delle grappe...... prendiamo il quasi scomparso tamburlano a fuoco diretto: dà grappe ardenti, a volte pungenti, rudi e selvatiche in molti casi, con qualche nota di fumo (e/o bruciato) di frequente”.

da: “Alambicco, mastro distillatore e vinaccia” di Luigi Odello, Presidente Centro Studi Assaggiatori (www.assaggiatori.com), Professore di analisi sensoriale alle Università di Verona, Udine e Cattolica di Piacenza.


Ardenti .....selvatiche ......parole già sentite, già lette sulle etichette di Romano Levi.



L’alambicco di Romano Levi di concezione antica, eccellente apparecchio da distillazione, se attentamente seguito dona grappa molto raffinata, maschia, robusta, spigolosa, ma molto adatta all’invecchiamento. Grappa ardente e selvatica, grappa unica. Unica come le sue etichette.

Unica come le bottiglie con le erbe che la sorella Lidia ha preparato per tanti anni. Lidia ha sposato la grappa distillata da Romano con le erbe raccolte nel suo campo. La grappa con le erbe diventava “grappa delle Donna Selvatica Unna”.
Le bottiglie lasciate maturare per alcuni anni, poi riprese, ricontrollate una ad una, erano tappate definitivamente e vestite con un’etichetta sottile, scritta anch’essa da Lidia, su cui erano elencate le erbe.


"Ruta, che è quella più conosciuta, poi limoncina, basilico, salvia, rosmarino, timo, archibüs che è tanaceto …… si chiama Donna Selvatica unna …… unna perché dicevano che era barbarie mettere l’erba nella nostra grappa ….. allora è più barbaro ancora, è unna."


In primis l’erba Ruta ma anche molte altre, Piemontesi e Liguri che Lidia raccoglieva nel giardino
o “passeggiando nei boschi di Bergeggi” ospite di amici:
Menta, Limoncina, Salvia, Timo, Camomilla, Limone, Maggiorana, Rosmarino, Basilico, Caffè, Mirto, Peperina, Violetta, Ciliegine, Arquebuse,
la prediletta Ortica che gratificava di graziosi aggettivi “compiacente, arrendevole, soave, signorina”
e l’Assenzio, sempre “amaro”.

Quante sfumature di colori in questa grappa, quanti intrecci di profumi e sapori da queste mescolanze.
Come sono ancora vive le erbe di Lidia e Romano!



vedi la degustazione (www.ilmangiaweb.it)


Oggi
la grappa distillata da Romano Levi negli ultimi anni della sua vita
continua ad invecchiare nelle botti sigillate.
A poco a poco vedrà la luce, lentamente, senza fretta come tutte le buone cose di questo mondo!

Oggi
la distilleria ha nuovi proprietari attenti nel tramandare la memoria e proseguire l’opera di Romano Levi rispettando la sua tradizione di “Grappaiolo Angelico”;
con l’aiuto di Fabrizio,
l’ultimo degli “Ignari” aiutanti del Maestro Romano Levi,

hanno ripreso a distillare le vinacce di Moscato, di Barbaresco e di Barolo, come un tempo,
come era consuetudine della distilleria molti anni fa.

Oggi

Romano Levi vive ancora ...



visita il sito ufficiale della distilleria (www.distilleriaromanolevi.com)







© 2015 grappalevi.net - Collectors' web site - info@grappalevi.net    Privacy Policy- Cookies Policy
Home Door page