Romano Levi - Grappa Levi
LA FAMIGLIA ROMANO LEVI L'ALAMBICCO LA GRAPPA GALLERY ARCHIVIO GRIVA LIBRI

In vendita



La Famiglia Levi proviene da Fraciscio di Campodolcino in Val San Giacomo o Valle Spluga, localmente chiamata “Val di Giüst”. Per almeno tre secoli Fraciscio e Campodolcino hanno esportato distillatori meglio conosciuti come "grapat".



Casa Levi Fotografia della casa Levi a Fraciscio detta “Casa degli Angeli”.
Tutti i capifamiglia che l’hanno abitata si chiamano Angelo, come il nonno di Romano e l’attuale Angelo Levi e sua moglie Maria (al balcone)


Antichi documenti parlano di grapat che nel 1700 partivano da Fraciscio con una carriola attrezzata da alambicco per spostarsi nelle zone di produzione vinicola all'inizio dell’autunno, molti di costoro finivano poi per trasferirsi definitivamente sui luoghi di lavoro e impiantare delle vere distillerie.
Tra Lombardia, Piemonte, val d'Aosta, Veneto ed Emilia, arrivavano a una cinquantina le distillerie fondate da gente della Val di Giüst. Le ditte più numerose erano quelle dei Della Morte, seguite dai Ghelfi, Fanetti, Frantoli, Gadola, Levi, Curti, Trussoni, Vener, Andreoli, Della Bella, Fustella, Scaramellini.
Infine i Francoli, lasciarono Campodolcino solo nel 1951 per Ghemme in Piemonte.



Fraciscio
www.fraciscio.it - www.valdigiust.it - www.cadeval.com


La famiglia di Angelo Levi (nonno di Romano Levi)
6 dei nove figli sono stati distillatori:

1 Guglielmo ad Aosta
2 Angelo e 3 Eugenio a Cortemilia (CN)
4 Serafino, padre di Romano e Lidia a Neive (CN)
5 Egidio a Settimo Vittone (TO)
6 Rosa sposò un distillatore a San Colombano Al Lambro (MI)


“……Chi faceva la grappa, erano per lo più uomini che d'estate stavano in montagna con gli animali e d'inverno, ricoverate le bestie in stalla, si dovevano trovare un altro lavoro, spesso inventandoselo. Questi “grapat“ avevano imparato il mestiere distillando le vinacce delle uve spremute della vicina Valtellina. Mio padre Serafino, come altri cinque dei suoi nove fratelli, era uno loro”.


Levi Serafino scelse Neive e nel 1925 fondò la sua distilleria a fuoco diretto. Sposò Balbo Teresina e dal matrimonio nacquero due figli Lidia e Romano. Serafino morì nel 1933 lasciando i due figli piccoli e la moglie, che continuò a mandare avanti la distilleria fino alla sua morte sotto un bombardamento nel 1945. Romano Levi aveva allora 17 anni ed era studente ad Alba. Decise di smettere gli studi e, con l’aiuto della sorella Lidia, continuò la distillazione.


“…….è stato un bene che la nostra mamma non abbia venduto la distilleria perché è stata la mia fortuna per dopo”

Lidia Levi

Inizia quindi la vita da distillatore di Romano Levi, il rapporto difficile quotidiano e continuo con l’alambicco a fuoco diretto.


“……. allora ce n’erano tanti …. di solito le distillerie funzionavano a fuoco diretto. Un apparecchio Malba, perché io sentivo sempre dire Malba, poi ho visto da Bocchino che ha la sala con alambicchi in vista, c’era Malba Giovanni Ricostruzioni Meccaniche Asti o Malba Fratelli, qualcosa del genere, e il nostro dovrebbe essere un apparecchio Malba ………. per me, che ora credo di poter dire di conoscerlo abbastanza bene se non benissimo, perché sono 46 anni che distillo, è un apparecchio che va molto bene, è un gioiellino, un giocattolo, che se uno gli dà ciò che vuole, ciò che è necessario, se non lo spinge, se si adatta a lui, lui fa miracoli ………. io penso che anche questo Malba Giovanni fosse un distillatore perché l’hanno fatto molto bene questo apparecchio; oltre che idearlo, se l’hanno ideato loro, l’hanno fatto molto bene”.



Disegno originale di Romano Levi per Maurizio Grappa nera dimenticata


La grappa prodotta veniva in parte imbottigliata ed in parte venduta in botti o damigiane a commercianti o ad altri distillatori o fabbriche di liquori.


“…….Le prime etichette a mano sono nate nel 1962/63 quando il nostro amico Giorgio Adriano di Neive, che aveva una casa del vino a Sanremo e comperava la grappa da noi, ha detto: “per me le etichette le strappate dalla carta, poi ci scrivete a mano così e così… . ………….non scritte da me ma da una persona anziana, la signora Sabina ed era dedicata ad una botte che abbiamo chiamata “Grappa nera dimenticata”, era scura, scura, tanti anni era rimasta nella botte. Poi questa signora, le prime 50-100 etichette le ha fatte, poi si è stancata ed allora ho dovuto scrivere io”.


Vinacce distillate Accanto a Romano, la sorella Lidia, donna eccezionale, severa, guardinga.


“….per me ha giovato molto (la sua presenza) perché certamente non sarei qui a questo punto” “…..sì è severa anche con me e quindi mi è stata molto utile nel mio lavoro. Lavora anche lei per fare le erbe che sono opere d’arte nelle bottiglie. Per me è stata molto utile.”



La distilleria chiude il ciclo vegetativo della vite. La vite, dà l’uva e poi il vino. Restano le vinacce che con la distillazione danno la grappa. Le vinacce distillate, una volta secche danno buon fuoco per la distilleria. Alla fine, la cenere viene dispersa nei filari, come concime, per dare forza alla vite, per produrre nuovamente uva, alla fine nulla è sprecato.



“ … il lavoro che faccio che è un lavoro normale, come quello di un contadino qualunque … un sottoprodotto della vigna, dell’uva che mi dà da vivere, un omaggio, una lode alla natura, alla vite che dà sempre qualcosa di buono, anche la vinaccia che è una materia povera eppure dà da vivere a noi, dà la grappa che è un prodotto che vive negli anni e nei secoli e dà ancora da far fuoco nel forno, e dà ancora sé stessa perché la cenere fà della buona terra”.



© 2015 grappalevi.net - Collectors' web site - info@grappalevi.net    Privacy Policy- Cookies Policy
Home Door page